Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2011

Lo so, lo so che siete in ferie, ma mi voglio portare avanti col lavoro !!! Poi dite, “non aggiorni il tuo blog”, “non sappiamo piu niente di te”, insomma, un sacco di frottole. Bene, vista la crisi, sono sicuro neanche voi siete partiti per le ferie, sarete sicuramente nelle votre città a combattere il caldo, e pensare ai buoni propositi del rientro di settembre. Cosa che facevo anche io sino a quando le ferie le facevo, peccato che i buoni propositi al 3 di settembre erano già dimenticati.

Invece, i buoni propositi ci sono qui, in Israele. Arrivare ogni settimana, alla fine della settimana. Obiettivi più vicini, concreti e misurabili. Vicini perché parliamo “solo” di cinque giorni di lavoro sfiancante, concreti, perche sono concreti, e misurabili, perché sono effettivamente cinque giorni. Diciamo la verità, non è proprio così fastidioso lavorare ad agosto, alla fine è un mese come un altro, l’unica differenza è che è una fornace. Vero anche che quest’anno, secondo me, meno caldo dello scorso, forse meno umido, più vivibile, ma sempre caldo. Dai su, alla fine non lamentiamoci, schiavizzato in ufficio col condizionatore a palla, non è poi cosi drammatico.

La vera rottura di agosto in Israele, sono i turisti. Francesi maggiormente. Anzi, direi solo francesi. Più terroni dei terroni (scuami callisto), ma in confronto, i terroni italiani, sono di Aosta. Buzzurrismo ai massimi livelli…ma teniamo duro, alla fine mancano solo una decina di giorni, e anche questi, torneranno a casa loro, nella loro crisi mondiale. Tel Aviv inizierà a mio avviso il periodo più bello (Settembre – Giugno), inizierà ad esserci meno casino per la città, non si sentirà parlare francese, e la spiaggia diventerà parecchio più vivibile,il caldo caldo finirà, ed il cervello, tornerà ad avere un ritmo più o meno normale.

La scorsa settimana ho sottoscritto l’abbonamento annuale per usare il servizio di biciclette, appena istitutito a Tel Aviv. Tante stazioni dove prelevarle e riconsegnarle dislocate per la città. Ho ricevuto la mia chiavetta dopo 3 giorni dalla sottoscrizione via internet, e la sera stessa ho cominciato a fare il Moser israeliano. Bello, piacevole, avere un mezzo di locomozione a Tel Aviv, soprattutto per chi come me, abita in una zona impossibile da permettersi un’auto, e soprattutto cominciare a godersi qualche pedalata alla scoperta di zone mai viste, alla ricerca di stazioni ove riconsegnare o prelevare ancora il mezzo, godendosi la frescura proveniente dal mare. Vero che il cambio di vita, impone il cambio di abitudini, questa una, altre già affrontate, e chissà quante altre arriveranno.

Settembre, altro mese fitto di viaggi. Il lavoro mi impone ancora una volta di viaggiare, verso mete lontane, mete italiane, spagnole e tedesche. Questa volta un giro più lungo, sicuramente molto più stancante, ma alla fine, mettere il naso fuori da Israele ogni tanto, non è poi  cosi male. Tornare fa sempre piacere.

Che dirvi cari amici, questo post facilmente lo leggerete dal vostro “telefono intelligente”, forse in spiaggia, forse in montagna, o chissà dove. Se siete in ferie, pensate a me, che sono schiavo nei territori, e che se le cose vanno avanti come in questi giorni, presto  dovrò impugnare un’arma. Buone vacanze, se siete ancora in vacanza, o buon rientro se siete rientrati od in fase di rientro.

Alla prossima !! Achla !! Sababa  !!

Stay tuned !!

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: